Translate

venerdì 21 ottobre 2016

Ristorante "Tigli in Theoria " - qualità ed eleganza a due passi dal lago...



Per trascorrere una piacevole serata in centro a Como, in un luogo dove alta cucina, arte e storia si incontrano. Il ristorante Tigli in Theoria vi aspetta. Il ristorante è situato nel magnifico “Palazzetto del Vescovo”: un edificio storico della città di Como, fatto costruire, come pertinenza della casa vescovile, da Branda Castiglioni eletto Vescovo della città nel lontano 1466. Un ambiente elegante, accogliente e suggestivo con sale distinte e spazi riservati in grado di ricevere ospiti ed eventi. Il ristorante dispone anche di un giardino particolarmente gradito dagli ospiti nelle belle serate d’estate.

La sede della residenza vescovile di Como, fu edificata come struttura difensiva nell’area a nord della Cattedrale, verso il lago, dal vescovo Alberico, a partire dal 1013, contestualmente al trasferimento della sede della Cattedrale dall’antica Santa Eufemia (l’attuale San Fedele) a Santa Maria Maggiore (l’attuale Duomo).




Nella seconda metà del XV secolo, il vescovo Branda Castiglioni, durante il suo ventennale episcopato a Como, per rendere la sua residenza più nobile e funzionale, ampliò la sede episcopale con l’aggiunta di un palazzetto come collegamento alla darsena del lago, punto di approdo e rimessa della propria imbarcazione. Il piano terra, porticato con cinque arcate sostenute da colonne e capitelli, e il primo piano, con finestre ad arco acuto e cornici in cotto a doppio smusso, fronteggiavano un giardino verdeggiante che conteneva un frutteto e vialetti per raggiungere il lago. L’edificio venne sviluppato ortogonale alla strada (oggi via Bianchi Giovini) e allo specchio d’acqua e si estendeva nel luogo di congiunzione tra la contrada Prato dei Liocchi (oggi piazza Roma) e il porto commerciale cittadino (oggi Piazza Cavour).

La costruzione, contrassegnata da un corpo semplice, ampliato su due livelli con le aperture rivolte verso est, conserva ancora oggi alcune caratteristiche originarie, nonostante l’edificio sia stato sottoposto a diverse ricostruzioni, compressa la realizzazione di un sovrappasso, per mettere in comunicazione il palazzetto con l’edificio vescovile principale. Nel 1992 il palazzetto venne frazionato per ricavare tre unità immobiliari.



A partire dalla fine del 2002, al fine di recuperare l’originale integrità della palazzina e ridarle l’iniziale funzione residenziale, è stato affrontato un restauro di ripristino grazie alla perspicace e brillante iniziativa dell’imprenditore Giovanni Maspero. Acquistando il palazzetto del vescovo Branda Castiglioni, questo grande imprenditore, oltre ad assumersi l’onere del recupero urbanistico di un’area importante per il centro storico di Como. Il Signor Maspero ha conferito una nuova vitalità ospitando la preminenza della cultura ristorativa, collegandola proficuamente a quella artistica, attività che sono coordinate dalla società Theoria. La ristrutturazione è stata eseguita nel rispetto della sua integrità architettonica.

La volontà è stata quella di restituire al palazzo il suo aspetto più autentico restaurando e ripristinando tutti i singoli elementi costruttivi, come travature lignee, pavimenti in pietra e consolidando e ricostituendo murature e intonaci, ma anche integrando e celando sofisticate dotazioni impiantistiche per renderlo rispondente alle necessità della vita contemporanea. Oggi rimangono diversi elementi ornamentali ben distinti della casata dei Castiglioni, un soffitto ligneo a cassettoni decorato, il pavimento in pietra nell’atrio, gli archi e le cornici delle finestre in cotto. Un’opera davvero magistrale. Alla guida del ristorante c’è uno chef stellato: Franco Caffara . Lo chef inizia la sua carriera partendo dai gradini più bassi facendo l’ apprendista nel prestigioso ristorante “il Salumaio di Montenapoleone” in via Santo Spirito a Milano. La sua dedizione si trasforma in talento per la cucina e conquista, in breve tempo, la divisa di cuoco affrontando l’avventura culinaria a fianco dello chef Lino Bonardi, che gli insegna i segreti dell’alta ristorazione. La sua crescita professionale si conferma come riscatto e soddisfazioni per la sua famiglia e, nel contempo, con il progetto affidatogli di aprire a Tokyo due ristoranti con il famoso marchio del Salumaio. In Giappone, Franco non lascia nulla al caso, affina tecnica e capacità, assimilando i pregi della cucina locale, che gli consente nuovi accostamenti e metodologie.



Nel 1995 ritorna in italia per affrontare in proprio – con il sostegno di tutta la sua famiglia – l’apertura di un suo ristorante a Cirimido, un piccolo paese in provincia di Como, lungo un viale alberato solo di “Tigli”, dai quali prenderà il nome. Nel 2004 si trasferisce nella città di Como, sulle rive del lago, dove apre il ristorante “i Tigli al lago”. Arrivano i primi riconoscimenti delle guide gastronomiche italiane e, nel 2012, si avvera il sogno dell’ambita Stella Michelin.

Nel 2014, accoglie la grande opportunità offertagli da Giovanni Maspero di portare la sua esperienza al Tigli in Theoria. Lo chef Franco Caffara, propone una cucina ricca ed in continua evoluzione dove il rispetto per la tradizione e modernità si incontrano. Il ristorante si distingue anche per la professionalità del personale.

Per informazioni e prenotazioni visitate il sito: http://www.theoriagallery.it
THEORIA Srl - Via Bianchi Giovini, 41 - Como (CO) - Tel. +39 031 305272 / +39 031 301334