Translate

martedì 11 aprile 2017

Gelato artigianale: scegliete la vostra gelateria preferita a Cernobbio



Durante i week end e non solo primaverili ed estivi Cernobbio ospita tantissimo pubblico per una passeggiata, un po’ di relax su una panchina in Riva contemplando il lago, una gita con la famiglia ecc ecc. E durante le belle e calde giornate di sole.. cosa c’è di meglio di un buon gelato? Siamo andati a scavare nella storia e non è molto facile trovare una giusta collocazione in merito alla nascita di questa prelibatezza per cui noi italiani siamo famosi. Diciamocelo: noi facciamo il gelato migliore al mondo!!
Sappiamo che In origine non era certamente quella deliziosa e fresca crema che conosciamo. Uno dei primi documenti storici in cui si parla di una sorta di gelato riguarda un poeta greco vissuto nel 500 a.C. ad Atene. I greci amavano preparare le bevande rinfrescanti con neve o ghiaccio. In seguito pare che alcuni popoli europei utilizzassero il latte ghiacciato, molto comune soprattutto durante i mesi invernali. 



(gelateria Sottozero)


 In Arabia venivano servite bibite ghiacciate chiamate "sherbet".. da cui nacque la parola sorbetto. E furono proprio gli arabi in Sicilia ad importare la canna da zucchero e ad utilizzare per primi la neve dell'Etna mischiata ai succhi di frutta dando vita al primo vero antenato del gelato. Pensate che costruirono anche delle conche per conservare la neve durante il periodo invernale per poi essere venduta in blocchi durante le stagioni primaverile ed estiva. C’era anche un altro metodo per raffreddare i sorbetti : si ponevano in recipienti circondati da ghiaccio e sale. La nascita del gelato a base di latte nacque invece intorno al 1565 presso la corte di Caterina de' Medici, a Firenze, per merito di Bernardo Buontalenti, detto Mastro Bernardo delle girandole che realizzò un sorbetto quasi gelato utilizzando neve, sale (che come abbiamo visto abbassa la temperatura grazie ad un principio fisico), limoni, zucchero, bianco d’uovo e latte. Ad ogni modo la presenza di questa prelibatezza sul nostro territorio diede la paternità e l’origine del gelato alla nostra bella Italia, anche se fu la sua introduzione in Francia a renderlo famoso in tutta Europa. Vi state chiedendo il motivo? 


(gelateria bar Gei)

Semplice… Il papà del gelato è Francesco Procopio che nel 1686 riuscì a preparare la miscela che tutti noi amiamo. Il nostro cuoco siciliano sperimentò e fallì molte volte prima di raggiungere al risultato sperato. Si spostò in territorio francese e forte della sua gustosa invenzione aprì nel 1686 il “Café Procope” a Parigi dove il piatto forte era ovviamente il suo gelato. Come potrete immaginare il locale ebbe un successo incredibile e si dovette spostare in una nuova sede molto più grande della precedente . Procopio ottenne anche una patente reale da Luigi XIV, una documento che dava l’esclusiva per la preparazione dei dolci da lui creati. Il "Café Procope" esiste ancora. Un altro passo importante per la produzione e divulgazione del gelato viene dagli Stati Uniti, dove Nancy Johnson nel 1846 inventò la prima gelatiera composta da un mastello pieno di ghiaccio e sale con un cilindro metallico. L'impasto da gelare veniva girato con una manovella. 


(gusti estrosi presso la gelateria il Pistacchietto)


Due anni dopo William Young si preoccupa di applicare un motore al mastello, consentendo un raffreddamento più uniforme del composto. Tornando in Italia risale al 1884 1884 una delle gelaterie più famose del periodo la gelateria Pepino che è in attività ancora oggi produce gelati nella bellissima città di Torino. Fu la prima rivendita nel nord Italia a portare il gelato a un livello popolare . Ad ogni modo la vera rivoluzione si iniziò nel '900 con l'introduzione della sorbettiera a motore. Ed insieme alla crema non poteva mancare il cono ideato dal gelataio Italo Marchino del 1093, la classica cialda dalla forma conica da riempire con palline di gelato. Un piccolo riassunto per raccontare in breve la storia di questo dolce amato da tutti grazie alla sua bontà e alla genuinità degli ingredienti utilizzati. Non so voi ma io amo il gelato artigianale decisamente più cremoso e gustoso di quello industriale…. Vi state chiedendo il motivo di questo post? Perché a Cernobbio avrete moltissima scelta per guastarne un ottimo cono. Qui troverete un elenco di tutti i bar e caffè dove potrete gustare un ottimo gelato artigianale . Scegliete la vostra gelateria preferita e buon appetito!!!

GELATO ARTIGIANALE A CERNOBBIO

GELATERIA GEI - Piazza Giuseppe Mazzini, 9

GELATERIA SOTTOZERO – Piazza Partigiani 3 e Via Regina 16

PASTICCERIA POLETTI – Via Regina 34

L’ONDA – Piazza Risorgimento 9

BAR CAVOUR – Piazza Risorgimento 1

IL PISTACCHIETTO GELATERIA – Viale Matteotti 25b


SPAZIO ANAGRAMMA -Via Regina 7



Se abbiamo dimenticato qualcuno ci scusiamo in anticipo. Segnalatelo al ns blog e lo aggiungeremo alla lista



BUON GELATO A TUTTI !!!!!